Emule e i programmi P2P

GUIDA TRATTA DA EMULE.IT

e mule

Come funzionano i normali programmi P2P.

Si ipotizzi di avere un file composto da tre blocchi, si ipotizzi ancora che il file abbia una dimensione totale di 30MB (nella realtà un file di tre blocchi ha una dimensione totale di 9.28*3=27.84MB, l’ipotesi che si sta facendo serve per semplificare ulteriormente il ragionamento). Se il file è richiesto da 3 utenti, con i p2p tradizionali, si invierà a tutti il primo pezzo di file. Se alla fine della sessione si è riusciti ad inviare una sola parte per client, questi si ritroverranno ad avere tutti la stessa parte di file e dovranno aspettare il successivo collegamento della fonte completa per riprendere il down del file.

Utilizzando eMule invece verranno inviati ad ogni utente un chunk diverso, ad esempio: al primo utente si invia la parte numero 1, al secondo la parte numero 2, al terzo la parte numero 3. Se, come ipotizzato prima, dopo aver inviato un chunk per client, la fonte completa si scollega, nel network ci sarà comunque tutto il file in condivisione, e i client che prima hanno dialogato con la fonte completa, adesso possono scambiarsi fra di loro le relative parti mancanti. Il vantaggio è evidente: maggiore possibilità di diffusione dei file, maggiore probabilità di terminare un download.

Altri p2p

Disconnesso

eMule

Disconnesso

Questa cosa ha ovviamente un costo, ed il costo e’ che eMule, a seconda della parte ricevuta del file, potra’ creare file temporanei molto piu’ lunghi di quanto si e’ effettivamente trasferito. E’ cosi’ possibile avere ricevuto solo 2MB di un file di oltre 700MB, e avere un file temporaneo di 700MB. Questo appunto perchè non si riceverà il file dall’inizio alla fine in modo lineare, ma i chunk saranno scaricati in base alla disponibilità istantanea, in ordine irregolare.

Ogni client sceglie i pezzi più rari da chiedere, per bilanciare e velocizzare la diffusione globale. Prima si controlla se un pezzo è rarissimo, se non ci sono pezzi molto rari si cerca di completare i blocchi da 9 mega già iniziati per poterli sharare. Con questo sistema si tenta di minimizzare la possibilità di avere file incompleti in sharing.

Infine, una nota. eMule automaticamente rende disponibile alla condivisione i files che avete in download, anche se non sono completati. Questo per permettere una diffusione dei files piu’ veloce. Per potere condividere un file che avete in download pero’ dovete aver ricevuto almeno un chunk completo dello stesso.


Annunci

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: